La ricetta per un buon SEO?

Esiste ma è come pensare di dare la ricetta segreta della pasta al forno. Ogni paese ha la propria, addirittura cambia a volte da persona a persona. Quindi io ora ti posso dare una linea guida e poi sei tu che scegli come mixare gli elementi, l’ordine da seguire. Però diciamo che questi sono ingredienti comuni a tutti!


Primo passaggio

 

Ingredienti: Keyword giuste

 

Preparazione: Google Trends, Analisi Keyword con Moz, Stumento di ricerca parole chiave di Adwords. Tutti i sistemi oggi in circolazione per scovare le parole chiave giuste come abbiamo già visto nella prima puntata. Cercale, elencale e ora sei pronto per inserirle nei tuoi articoli senza ripeterle all’infinito ma creando contenuti leggibili e coerenti con quelle keyword.


Secondo passaggio

Ingredienti: Meta description (tante quante le pagine), Sitemap (1 fatta bene), file robots.txt.

Preparazione: Scarica i plugin per WordPress che ti aiuteranno in questo semplice compito, sono Yoast Seo o, se non ti piace, qualsiasi plugin simile. Cosa devi gestire con questo plugin? Devi gestire oltre alle parole chiave anche degli elementi di facciata, quello che vedranno per prima gli spider dei motori di ricerca. Ogni articolo, pagina o contenuto ha un’anteprima che viene mostrata nella SERP dai motori di ricerca. Dovete ottimizzare anche quella. Gli spider vanno a controllare tutte le pagine presenti nella sitemap tranne quelle che voi gli impedite di vedere tramite un semplice comando contenuto nel file robots.txt. Potete anche scegliere di mostrare tutto il sito, Yoast in automatico imposta come nascosta la pagina di login di WordPress, ma voi potreste avere delle pagine “segrete” che non volete indicizzare. Dovete inserirle tramite le funzionalità avanzate di Yoast SEO nel file robots.txt. Nel file robots.txt è anche consigliabile dare il link alla Sitemap così non mandiamo in confusione i Bot!


Terzo passaggio

 Ingredienti: Indicizzazione del sito web

Preparazione: Dal vostro account Google aprite Google Search Console o Google TAG manager (più avanzato). Vediamo il primo; Dovete inserire il vostro sito web sia con www. che senza www e verificarne la proprietà seguendo le istruzioni guida di Google, tranquilli compariranno nella procedura passo passo. La funzione da utilizzare, molto preziosa, per far notare ogni nuova pagina del vostro sito web, è Scansione – Visualizza come Google e qui andiamo a inserire la pagina che vogliamo indicizzare. Poi bisogna controllare gli errori e gli eventuali avvisi e correggerli. Compresi i problemi di sicurezza e se ne avete mi raccomando attenzione. Ci sono tantissime funzionalità tutte utili e da scoprire.

 


Passaggi minori ma ottimi per raggiungere la perfezione

Ingredienti: ottimizzazione sito web, immagini, redirect

Preparazione: Per ottimizzare il sito web potrei parlarne ore però c’è un plugin che vi aiuta con la cache ed è W3 Total Cache da avere assolutamente. Bisogna poi ottimizzare le immagini e indicizzare pure quelle (ricordatevi della sezione immagini di Google per esempio). Come fare? Basta inserire l’attributo ALT o il nome contenente la keyword nelle impostazione media. Ultimo piccolo sforzo è correggere tutti quegli errori 404, che vedete o nella Google Search Console oppure nelle pagine di ricerca, che portano a pagine che non esistono più. Questo accade per pagine cancellate, siti web rifatti e per cambi di permalink (ma ormai si era indicizzato il vecchio). Dovete scaricare un bel plugin (o Yoast nella versione Premium) per reindirizzare tutti quei contenuti a pagine esistenti in modo da ripristinare il link funzionante. Se la domanda è sorta spontanea no, non potete cancellare questi link!

 


Ultimo passaggio

Ingredienti: Backlink per aumentare il Page Rank

Preparazione: Scusate, mi viene da ridere perché chi ha letto sopra e non sa molto di questo argomento ha spalancato la bocca e detto “eh??”. Nulla di più semplice, il Page Rank è un un punteggio da 0 a 10 che il motore di ricerca assegna ad ogni pagina web in base al numero di link verso quella pagina. I link che puntano verso il vostro sito web si chiamano Backlink. Più backlink abbiamo più il Page Rank è alto più saliamo nella classifica. Ora,lasciando stare discorsi strani a noi interessa fare della buona SEO quindi prestate attenzione a fate backlink consapevolmente. Potreste essere pure cancellati se i link che puntano al vostro sito provengono da siti che violano le regole di Google oppure se linkate senza un domani a caso da vostri siti ad altri vostri siti. Le cose folli sono vietate. E allora come fate? Dei buoni metodi sono questi: guest post, commenti in siti autorevoli,  linkare quando veramente state parlando di quell’argomento in un altro blog, scrivere contenuti talmente belli che altri condivideranno spontaneamente.

 


Bene, la ricetta è servita e, visto che è mattino, immaginiamo che sia una bella torta e.. buona colazione!

ps: non vi lascio mai senza una domanda – Cosa ne pensate? Avete visto, non è mica difficile. Vi sentite un pò più sicuri ora che sapete quali sono gli strumenti per gestire la vostra SEO?

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.